Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Ente Nazionale Risi: più controlli sul riso importato in Italia. Per la qualità!

Il presidente Carrà: abbiamo il dovere di tutelare la qualità del riso, sia nei confronti del consumatore che nei confronti dei produttori italiani

Riso, foto generica d´archivio

Riso, foto generica d'archivio

 «L’Italia intensifica le analisi merceologiche sul riso d’importazione, grazie al Centro Ricerche sul Riso dell’Ente Nazionale Risi: il Ministero delle politiche agricole ha stipulato una convenzione con l’ente pubblico economico che permette di «incrementare i controlli sui prodotti offerti al consumatore, soprattutto per i risi d’importazione», come recita la nota dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi del Mipaaf». Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata dall’Ente Nazionale Risi il 26 settembre 2017, e che riportiamo integralmente. «E’ un atto importante - commenta il presidente dell’ente  Paolo Carrà - che dimostra concretamente la volontà di difendere il prodotto di qualità che l’Italia è in grado di offrire in questo campo e che la legge sull’etichettatura obbligatoria garantirà al consumatore». 
 
I controlli sul prodotto lavorato e sul riso da seme – spiega il comunicato - sono in corso da tempo, ma questa convenzione li rende più numerosi e efficaci: «Nei laboratori di Castello d’Agogna disponiamo del know how necessario per intensificare le analisi - spiega Carrà -, andando oltre quelle già programmate. Il governo, rendendosi conto di come fosse strategica quest’azione di monitoraggio e tutela, ha accolto la nostra disponibilità». La convenzione prevede di concentrare l’attenzione «sui risi d’importazione, reperibili soprattutto presso i punti vendita della GDO e i negozi etnici». Grazie a quest’intesa - citiamo sempre testualmente - i controlli, effettuati sulla base di una campionatura che coinvolgerà tutte le Regioni italiane, raddoppieranno. «L’Ente Nazionale Risi ha il dovere di tutelare la qualità del riso, sia nei confronti del consumatore che nei confronti dei produttori italiani che coltivano questo cereale nell’osservanza scrupolosa delle leggi e della sostenibilità ambientale. Abbiamo offerto gratuitamente le nostre competenze all’Ispettorato per aver la certezza, in questo momento di crisi del settore, di fare davvero di tutto per offrire al consumatore di riso il miglior prodotto esistente sul mercato e contribuire a valorizzare la produzione nazionale», commenta il Presidente dell’ente. 




Local Genius
www.localgenius.eu
26 settembre 2017

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook