Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Innovazione in agricoltura: la Basilicata scommette su giovani, tecnologia e filiere

Braia: dalla tradizione recuperiamo qualità, tipicità e distintività e proviamo a proiettarla con competitività nel futuro e nella modernità. Creare nuove sinergie

Braia al talk “Smart Agricolture and Food” nell’ambito...

Braia al talk “Smart Agricolture and Food” nell’ambito della manifestazione Heroes svoltasi a Maratea (immagine allegata alla nota stampa ufficiale)

“Innovazione e agricoltura, tecnologia e filiere, binomi che devono obbligatoriamente passare per i giovani, presente e futuro di un comparto importante su cui come Regione Basilicata abbiamo voluto scommettere, oltre che per la capacità di organizzazione in filiere che possano rendere efficaci le azioni di miglioramento in atto dei prodotti di qualità che il nostro straordinario territorio già produce”. Lo ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura della Regione Basilicata Luca Braia intervenendo al talk “Smart Agricolture and Food” nell’ambito della manifestazione Heroes svoltasi a Maratea. E’ quanto si legge in una nota stampa ufficiale della Regione Basilicata diramata il 24 settembre 2017, e che riportiamo integralmente.
 
 
“Dalla tradizione recuperiamo qualità, tipicità e distintività e parallelamente con i giovani - prosegue l’Assessore Braia - e con l’innovazione proviamo a proiettarla con competitività nel futuro e nella modernità. La sfida della qualità dei prodotti della sostenibilità ambientale e dell’organizzazione delle filiere per fare sistema vede sicuramente nel digitale e nell’agricoltura di precisione una grande opportunità di sviluppo che può essere colta solamente cambiando paradigma e visione, rinnovando e guardando ai mercati dove poter far confluire le nostre produzioni con una visione e un approccio diversi. C’è un investimento coraggioso della Regione Basilicata sulla connettività e sulla disponibilità di reti e digitale per tutti i cittadini, anche nelle aree interne. Occorre rafforzare innanzitutto il contesto umano che ha le capacità e deve utilizzare le tecnologie, il digitale, i sensori, i droni, i gps ecc. e la loro applicazione in agricoltura. Un passaggio fondamentale per il ricambio culturale e generazionale dell’agricoltura lucana si è consumato in questi ultimi 2 anni ed è quello di avere sostenuto circa 363 giovani per il primo insediamento con 24 milioni di euro: nuove generazioni di imprenditori agricoli di cui oltre il 70% diplomati o laureati proprio in studi agrari. Dati che ci consentono di essere, come regione, tra quelle virtuose per l’aumento percentuale di imprenditoria giovanile in agricoltura”.
 
 
“Grazie alla rivoluzione apportata da un bando che, forse per la prima volta in questa regione – ha sottolineato Braia -, ha deciso di puntare sull’innovazione e sulla professionalità degli operatori, premiando proprio i giovani che vedono il loro futuro nel comparto e studiano per accrescere conoscenze e competenze di settore. Allo stesso tempo però, il bando ha  premiato fortemente i giovani richiedenti l’aiuto comunitario per avviare la nuova impresa agricola a caratterizzare le proposte progettuali con innovazione e utilizzo di ultime tecnologie. Ai giovani abbiamo voluto assicurare non solo un premio automatico di 60/70 mila euro ma, soprattutto, una modalità nuova di pensare al futuro, selezionando i nuovi insediati secondo criteri legati a innovazione e conoscenza oltre che incentivarli ulteriormente con la misura del Psr dedicata al miglioramento aziendale, con una dotazione finanziaria di ulteriori 32 milioni di euro. Siamo, inoltre pronti a spingere ancora la scommessa sui giovani e l’innovazione, con un ulteriore bando loro dedicato, di prossima uscita. L’agroalimentare lucano, oggi, deve sempre più essere capace di progettare e mettere in atto, attraverso altri bandi attualmente aperti del Psr Basilicata 2014-2020, un nuovo concetto di filiera che comprenda tutte le fasi e gli attori della produzione, della trasformazione e della commercializzazione che apportino una maggiore efficacia e una riduzione dei costi data proprio dalla capacità di stare insieme in maniera sostenibile”. “Abbiamo oggi prodotti di eccellenza – ha concluso Braia - a cui il mondo guarda con interesse, riconoscendo nel brand Basilicata un territorio con le sue tipicità che è proiettato alla Capitale Europea della Cultura del 2019. Non possiamo perdere questo treno ma dobbiamo essere capaci di accompagnarlo con politiche nuove e al passo con i tempi. L’invito al mondo dell’innovazione e della ricerca è quindi quello di avvicinarsi al comparto agricoltura per creare le sinergie determinati per investimenti che consentano alla Basilicata lo sviluppo e il salto di qualità.”




Local Genius
www.localgenius.eu
26 settembre 2017

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook