Notizie Flash
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius
Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato... LocalGenius

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Iozzo Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali luoghi aziende commenti

Rosso Cosenza: cultura del vino, vitigni autoctoni e nuova Enoteca regionale

Un appuntamento organizzato dalla Provincia. Approfondimento tematico sul ruolo strategico della identità del territorio. Visita guidata e degustazione

Rosso Cosenza: alcuni dei protagonisti delle degustazioni...

Rosso Cosenza: alcuni dei protagonisti delle degustazioni di vini della provincia di Cosenza. Altre FOTO in gallery

Rosso Cosenza: un’occasione importante, e peraltro molto significativa, per promuovere e valorizzare la vitivinicoltura e l’enologia di un’intera e grande provincia. La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione provinciale presieduta da Mario Oliverio, si è tenuta giovedì 20 dicembre 2012 nel Palazzo Storico dell’Ente, situato nel cuore del capoluogo bruzio. Un breve e qualificato approfondimento tematico, che ha focalizzato l’attenzione sull’importanza strategica di alcuni dei più pregiati vitigni autoctoni di cui dispone la Calabria, ha preceduto la visita guidata ai locali che ospiteranno la nuova Enoteca regionale della Provincia di Cosenza. A seguire la degustazione nel Salone degli Specchi. Numerosi i protagonisti del variegato sistema vitivinicolo provinciale che hanno aderito a Rosso Cosenza. Dal Pollino ai confini meridionali con le province di Catanzaro e Crotone, dal Tirreno allo Jonio, dalla Valle del Crati alle altre aree interne di un territorio tanto vasto quanto ricco di differenti microclimi: il panorama presentato è stato molto suggestivo e attraente. Vini rossi, bianchi, rosati e passiti hanno deliziato i palati dei presenti ed hanno dimostrato, ancora una volta, l’esistenza di un potenziale enorme e che merita senz’altro ulteriori momenti di sostegno.


In un paio di decenni, grazie al lavoro, alla passione, alla dedizione e al rischio imprenditoriale di molte aziende, la vitivinicoltura della provincia di Cosenza ha compiuto enormi passi in avanti. La qualità dei vini proposti è cresciuta costantemente, di pari passo con la cura dei vigneti e delle cantine. Oggigiorno assistiamo a una sintesi davvero pregevole di radicamento nella tradizione, e quindi di riscoperta di culture e di specialità enologiche, e di innovazione irrobustita dall’uso, tra l’altro, delle più moderne tecnologie. L’approfondimento tematico è stato dedicato a tre dei vitigni autoctoni a bacca rossa più diffusi sull’intero territorio calabrese e anche, ovviamente, in quello provinciale cosentino: Magliocco, Gaglioppo e Calabrese. La Calabria può vantare, nel mondo e in Europa, così come hanno anche dimostrato i risultati di recenti approfondite ricerche, un panorama di vitigni autoctoni considerevole e prezioso. Questi vitigni autoctoni, proprio a partire da Magliocco, Gaglioppo e Calabrese, rappresentano un punto di partenza imprescindibile per sottolineare, sui mercati globali, identità, personalità, territorialità. La breve chiacchierata a più voci che si è tenuta durante Rosso Cosenza non ha voluto, come è facile intuire, essere esaustiva, ma solo contribuire a disegnare una traccia lungo la quale sarà fondamentale continuare ad impegnarsi molto. Occorre sempre di più far comprendere al mondo, e quindi anche ai sempre più difficili ed esigenti mercati, che la provincia di Cosenza e la Calabria sul piano enologico hanno da dire qualcosa in più, proprio perché possono vantare un valore aggiunto che viene da una storia ultramillenaria. Fu lungo le coste della Magna Grecia, a partire quanto meno dal primo quarto del primo millennio avanti Cristo, che giunse in Occidente, dall’Asia Minore e dalla Grecia, la cultura del vino. Popoli di navigatori e commercianti quali i Fenici, e gli stessi colonizzatori provenienti dalla diverse zone dell’Ellade, nelle loro navi trasportarono anche i progenitori di quei vitigni autoctoni che ancora oggi, e per fortuna, popolano le nostre vigne. La Calabria e la provincia di Cosenza dispongono quindi di un patrimonio biogenetico e di una biodiversità di straordinaria importanza, e per molti aspetti ancora da scoprire e da studiare in tutte le sue possibili sfaccettature. Ecco perché il breve incontro tenuto a Rosso Cosenza, al di là dei suoi stessi contenuti, ha voluto prima di tutto rappresentare una testimonianza in direzione di una sempre più necessaria riappropriazione di identità. Come dire: l’enologia bruzia e regionale parlano di se stesse esaltando le proprie peculiarità, sollecitando attenzione e curiosità, distinguendosi in un panorama in cui, peraltro, la faccia più drastica della globalizzazione che tutto standardizza e uniforma, lascia ampi spazi di manovra a quanti posseggono un retroterra, culture antiche, radici profonde.


Al dibattito hanno preso la parola il presidente della Provincia, Mario Oliverio; il direttore di Local Genius, Massimo Tigani Sava; l’enologo Vincenzo Ippolito. Ha moderato i lavori la giornalista Mariuccia De Vincenti. Mario Oliverio ha focalizzato la sua attenzione su due argomenti principali: il ruolo di nicchia della vitivinicoltura calabrese e cosentina; la nascita della nuova Enoteca. Rifacendosi agli ultimi dati Istat disponibili, il presidente ha sottolineato come i vini Doc e Igt dell’intera Calabria rappresentino solo lo 0,37% dell’intera produzione nazionale. Una nicchia, appunto, nell’ambito della quale circa il 70-80 per cento è garantito dalla sola area del Cirò. I numeri, quindi, in un quadro nazionale e mondiale, sono piccoli e pertanto pretendono l’adozione di strategie di commercializzazione e di marketing adeguate. In quest’ambito, ha precisato Mario Oliverio, l’Enoteca regionale della provincia di Cosenza può svolgere un ruolo strategico a sostegno dei produttori e delle cantine. Spazi ampi, eleganti, attrezzati e allocati nel cuore del centro storico del capoluogo possono consentire di portare avanti tutta una serie di attività preziose: presentazioni, dibattiti, incontri, degustazioni, incoming, scambi di esperienze e conoscenze. Una struttura elegante, bella, funzionale e razionale dedicata a un comparto, quello vitivinicolo ed enologico, che peraltro può fare da traino a tutto il più complesso sistema agroalimentare in cui spiccano altre produzioni di qualità certificata: i 4 Salumi di Calabria a Dop (salsiccia, soppressata, capicollo, pancetta); la Cipolla Rossa di Tropea Calabria Igp (il cui territorio di produzione giunge fino ad Amantea); la Patata della Sila Igp; il Limone di Rocca Imperiale Igp; l’Olio extravergine di oliva Dop Bruzio; i Fichi essiccati del Cosentino Dop; le Clementine di Calabria Igp; il Caciocavallo Silano Dop.


Massimo Tigani Sava, riprendendo alcune considerazioni del presidente Oliverio, ha insistito sui concetti di identità culturale e di territorio. Il vino – ha affermato il direttore di Local Genius - è cultura, è arte, è stile di vita. Il vino racconta i territori che lo generano, ma è anche vero che la massima valorizzazione e promozione degli stessi territori, delle loro storie e culture, così come dei terroir, rende più attraenti e ricercate nel mercato globale le diverse etichette. Ha ragione il presidente Oliverio – ha sottolineato Massimo Tigani Sava – quando dice che la Calabria e la provincia di Cosenza rappresentano una piccola nicchia nella produzione enologia italiana di qualità. Ecco quindi che, al di là delle politiche commerciali, un forte sostegno alla vitivinicoltura locale deve partire proprio dalla esaltazione delle identità specifiche. L’identità è un valore aggiunto unico e prezioso che non è delocalizzabile. “Il protagonismo del vino e delle cantine – ha concluso Tigani Sava - non potrà mai significare autoreferenzialità o isolamento, ma capacità di distinguersi nel confronto positivo. Forti, sicuri di sé, organizzati e determinati nel mondo globale”.


L’enologo Vincenzo Ippolito ha sviscerato, invece, alcuni aspetti più tecnici legati ai vitigni autoctoni Magliocco, Gaglioppo e Calabrese. Ippolito ha anche evidenziato le grandi opportunità che può offrire la nuova Dop Terre di Cosenza che, peraltro, in maniera intelligente comprende tutto il territorio provinciale. Il Magliocco, ha spiegato l’enologo calabrese di origini cosentine e cirotane, trova nella provincia di Cosenza, e nel suo clima più freddo e più umido rispetto ad altre aree del territorio regionale, un habitat favorevolissimo che consente di sprigionare al massimo la sua forza, i suoi profumi, le sue doti. Il Gaglioppo, al contrario, ha osservato Ippolito, predilige climi più secchi e territori più aridi e meno piovosi, come quello del Cirotano. Al Calabrese, parente strettissimo del Nero d’Avola siciliano, Ippolito ha riconosciuto una maggiore flessibilità, duttilità e capacità di adattamento. Tre vitigni diversi, austeri e dall’eccezionale potenziale, che parlano della Calabria e della provincia di Cosenza, assieme ad altri, come l’Aglianico, prediletto ai confini settentrionali della regione, o il Nerello Mascalese, o i bianchi come il Greco o il Mantonico e il Pecorello. Durante il breve ma interessante approfondimento tematico si è spiegato, tra l’altro, come proprio la nuova Enoteca regionale della Provincia di Cosenza potrà offrire un contributo solido e concreto alla maggiore conoscenza dei vitigni autoctoni anche nel loro rapporto con quelli internazionali che apre un enorme capitolo sugli uvaggi e sui blend rispetto ai quali la Calabria offre molte letture. Basterebbe pensare all’uso del Cabernet Sauvignon o del Merlot proposti in assemblaggio con vitigni autoctoni. Gli esempi possibili sarebbero tantissimi.


La visita guidata ai locali che ospiteranno l’Enoteca ha tradotto in pratica la giustificata enfasi delle parole. Un luogo ideale per promuovere la cultura del vino. La degustazione di tante etichette provenienti da ogni angolo della provincia di Cosenza, in un gradevole cammino tra cantine più affermate e giovanissime realtà produttive, ha coronato l’edizione 2012 di Rosso Cosenza. Il presidente Oliverio, salutando tutti i produttori presenti, ha anche raccolto proposte e osservazioni rispetto al percorso che l’Enoteca si accinge a tracciare.




Galleria Fotografica
Local Genius
www.localgenius.eu
27 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook