Notizie Flash
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius
Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco "E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche... LocalGenius

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Iozzo Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali luoghi aziende commenti

Sos dagli agricoltori Cia: ingresso indiscriminato di pomodori dal Marocco

Preoccupata nota stampa ufficiale del livello nazionale e appello alla Ue: reale ingovernabilità di questi fenomeni, sempre più frequenti, di import senza regole, che danneggiano gravemente i produttori ortofrutticoli europei. Cambiare pagina!

Pomodori, foto di repertorio

Pomodori, foto di repertorio

"E’ sempre più allarme tra i produttori ortofrutticoli europei, ma soprattutto italiani, in seguito all'ingresso massiccio e indiscriminato di pomodori dal Marocco, che vengono “sdoganati” in Spagna, ma soprattutto in Francia, presso il porto di Charles, senza reali controlli sul dovuto pagamento dei relativi dazi e sulle caratteristiche fito-sanitarie dei prodotti". Lo afferma la Cia, Confederazione italiana agricoltori, preoccupata per la piega che sta prendendo la situazione. La Cia nazionale ha diramato una nota stampa ufficiale il 18 dicembre 2012. La riportiamo integralmente. "In pratica, continuano a essere disattesi - sostiene la Cia - gli obblighi derivanti dal recente accordo Ue-Marocco, che prevede l'applicazione di dazi maggiorati a fronte di cali significativi del prezzo del prodotto sui mercati europei. Le conseguenze sono, ovviamente, disastrose in particolare per i nostri produttori che si vedono chiudere tutti i canali commerciali tradizionali, compresa la Gdo italiana ed europea che preferisce approvvigionarsi in Germania o Francia a prezzi “stracciati”. Il perdurare del fenomeno - sottolinea la Cia - deve essere, quindi, oggetto di grande attenzione da parte della Commissione europea, come, peraltro, essa stessa ha promesso nel corso dell'ultimo Consiglio dei ministri dei “27”. Ma la delega totale agli Stati membri per quanto riguarda i controlli doganali, attraverso i loro uffici alle frontiere, ha, purtroppo, già dimostrato in passato l'insufficienza di questa procedura". "E' giunto il momento che l’Esecutivo di Bruxelles - ribadisce la Cia nella sua nota ufficiale - prenda atto della reale ingovernabilità di questi fenomeni, sempre più frequenti, di import senza regole, che danneggiano gravemente i produttori ortofrutticoli europei, già penalizzati dalle ultime gravi crisi di mercato, derivanti da una estrema volatilità dei prezzi, unita spesso alla forte deperibilità di alcuni prodotti. Su questo punto specifico è bene ricordare che tutta la filiera ortofrutticola europea attende una risposta concreta, da parte della Commissione, alle richieste avanzate in sede di riforma della Pac relative a più efficaci strumenti di garanzia del reddito per i produttori".


La Cia "auspica che questa nuova emergenza sia sufficientemente indicativa della necessità per la Commissione europea di cambiare pagina e di individuare strumenti e modalità più efficaci per l'adempimento delle clausole degli accordi internazionali. E' necessario, soprattutto, mettere a punto un sistema europeo di monitoraggio ed effettivo controllo alle dogane, gestito direttamente dall’Esecutivo comunitario, in modo da integrare concretamente l'attività degli uffici doganali degli Stati membri". "Queste - conclude la Cia - sono ormai condizioni di base per il corretto andamento dei commerci internazionali. I controlli severi effettuati sui nostri prodotti dai paesi extra-europei ne sono la testimonianza".
 




Local Genius
www.localgenius.eu
19 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook